13/03/2018 - OLIO EXTRAVERGINE FALSO: IL TAR ANNULLA LA MULTA INFLITTA DALL’AGCM AD UNA NOTA CATENA DI SUPERMERCATI – RISPETTATI GLI STANDARD DI DILIGENZA IMPOSTI DAL SETTORE

Con una sentenza pubblicata il 17.01.2018, il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha annullato una multa di 550.000 euro per pratica commerciale scorretta che l’Autorità garante per il mercato e la concorrenza (AGCM) aveva imposto ad una nota catena di supermercati per aver commercializzato, sotto proprio marchio, un olio come “extravergine” che, a seguito delle analisi delle Autorità, era risultato semplicemente “vergine”.

La catena di supermercati è riuscita ad ottenere l’annullamento della sanzione perché ha dimostrato di aver rispettato “il normale grado di diligenza che ci si poteva aspettare da un operatore del settore alimentare” avendo eseguito una serie di controlli per verificare che la qualità dell’olio era effettivamente quella dichiarata in etichetta.

Nello specifico, la catena di supermercati ha provato che l’olio (imbottigliato e prodotto da una società terza) era stato sottoposto a diversi controlli di qualità, contrattualmente previsti nel contratto di fornitura con il produttore, in diversi laboratori specializzati ed indipendenti.

Pertanto, a fronte delle misure di controllo e del sistema di verifiche predisposto sul prodotto finito, che sono risultati conformi agli standard di diligenza imposti agli operatori del settore alimentare, la società di supermercati è stata ritenuta esente da ogni responsabilità.

 

Per ulteriori informazioni è possibile contattare lo studio attraverso l'apposito form, nella sezione contatti.

avv. Christian Cerutti